Perché la chiesa si chiama “Chiesa Antiochia”?

2000 anni fa, Antiochia era una città siriana a circa 700 km a nord di Gerusalemme. Oggi, Antakya, nel sud-est della Turchia, è la versione moderna della stessa città.

La chiesa fu inizialmente fondata ad Antiochia dopo un periodo di persecuzione contro i credenti e la chiesa di Gerusalemme. Ammiriamo questa chiesa di Antiochia, come viene descritta nel libro degli Atti, per tre motivi principali:

Nessun nome, nessuna celebrità

In primo luogo, vediamo che questa chiesa è stata fondata da persone normali che stavano sfuggendo alla persecuzione. Non abbiamo i nomi delle persone che hanno lasciato Gerusalemme, Cipro e Cirene per venire a fondare la chiesa di Antiochia. Questo è il modo in cui l’inizio di questa chiesa viene descritto in Atti 11:

Quelli che erano stati dispersi per la persecuzione avvenuta a causa di Stefano, andarono sino in Fenicia, a Cipro e ad Antiochia, annunciando la Parola solo ai Giudei, e a nessun altro. Ma alcuni di loro, che erano Ciprioti e Cirenei, giunti ad Antiochia, si misero a parlare anche ai Greci, portando il lieto messaggio del Signore Gesù. La mano del Signore era con loro; e grande fu il numero di coloro che credettero e si convertirono al Signore.

Atti 11:19-21

Le chiese sono spesso associate a nomi di persone specifiche, pastori specifici che altre persone ammirano e seguono. Per qualche strana ragione, questo può portare a una sorta di cultura della celebrità, malsana sia per le persone che per il pastore. Ma non è quello che vediamo in questo caso con la chiesa di Antiochia. Si tratta di persone normali che sfuggono alle persecuzioni e che semplicemente continuano a essere fedeli a ciò che hanno imparato quando facevano parte della chiesa originaria di Gerusalemme. Hanno condiviso con altri la grande notizia di Gesù Cristo!

Sia Giudei che Gentili

Questa è la prima volta che vediamo una chiesa raggiungere sia i Giudei che i Gentili. Inizialmente, tuttavia, coloro che provenivano da un ambiente ebraico si rivolgevano solo ad altri ebrei. Non parlavano ai Gentili.

Forse perché gli ebrei non parlavano la stessa lingua dei gentili?

O forse avevano paura dei gentili?

O forse non consideravano i Gentili degni del Vangelo?

Qualunque fosse la ragione, era ormai chiaro che il Vangelo era per tutti, indipendentemente dalla nazionalità, dalla lingua o dal background religioso di una persona, una lezione difficile per gli ebrei di allora, ma anche una lezione che continua a essere difficile per noi ancora oggi. Proprio come è successo 2000 anni fa, anche noi abbiamo città e culture che si mescolano. Ma il Vangelo è destinato a tutti, a tutte le nazioni, tribù, lingue e linguaggi!

La Chiesa Antiochia è una chiesa multinazionale e multiculturale, composta da persone della cultura dominante e da persone delle altre culture rappresentate nei luoghi in cui la chiesa si trova!

Hanno mandato i loro migliori

In Atti 13, vediamo che la chiesa di Antiochia fece qualcosa che potremmo considerare straordinario. Tra i cinque leader elencati, grazie alla preghiera, al digiuno e allo Spirito Santo che parlava tra loro, questi leader mandarono due delle persone più influenti della chiesa.

Nella chiesa che era ad Antiochia c’erano profeti e dottori: Barnaba, Simeone detto Niger, Lucio di Cirene, Manaem, amico d’infanzia di Erode il tetrarca, e Saulo. Mentre celebravano il culto del Signore e digiunavano, lo Spirito Santo disse: «Mettetemi da parte Barnaba e Saulo per l’opera alla quale li ho chiamati». Allora, dopo aver digiunato, pregato e imposto loro le mani, li lasciarono partire.

Atti 13:1-3

Paolo e Barnaba hanno insegnato nella chiesa di Antiochia per l’ultimo anno e ora la chiesa li manda a predicare il Vangelo e a fondare chiese in altre zone. Quella che inizia a questo punto è una delle più grandi missioni di fondazione di chiese mai avviate. Le chiese sono state piantate tra i Giudei e i Gentili in quella che oggi è la Turchia, l’Europa orientale e la Grecia… tutto questo perché la chiesa di Antiochia ha mandato i suoi uomini migliori a raggiungere altre persone. Non cercarono di trattenere i loro migliori insegnanti per evitare che se ne andassero. Invece, hanno pregato per ascoltare ciò che Dio voleva e li hanno mandati in modo che il Vangelo fosse ascoltato per la prima volta da molte persone e che nuove chiese fossero lasciate indietro mentre svolgevano il loro lavoro!

Anche noi vogliamo fare discepoli e inviare le nostre persone migliori a piantare nuove chiese. Ascolteremo continuamente la voce dello Spirito Santo e anticiperemo che egli vuole che vengano fatti più discepoli e che vengano piantate più chiese, preparando nel frattempo le persone che abbiamo nelle chiese esistenti per il lavoro che Dio potrebbe affidare loro in futuro!

Leave a Reply

Your email address will not be published.